Problemi, questi amici! (II/II): Problem solving in tre mosse.

/, Eventi/Problemi, questi amici! (II/II): Problem solving in tre mosse.
Condivido volentieri il pensiero espresso da Italo Pentimalli e Patrizia Salvini nell’articolo già introdotto nella prima parte di “Problemi, questi amici”, aggiungendo alcune mie riflessioni ed esempi grafologici.

images

I due autori (formatore e imprenditore il primo, biologa e formatrice la seconda) affermano che l’Arte di Risolvere i Problemi può essere acquisita, ma che per farlo non basta una ‘formula’, ma – come per ogni allenamento – un costante esercizio che ci renda in grado di ottenere i risultati che desideriamo.

La parola d’ordine è dunque ‘costanza’, dico io, ma può essere tradotta anche in intenzione, motivazione, determinazione, volontà.

A monte di questa azione ‘proattiva’ si collocano i tre step, o le tre ‘mosse’ descritti da Italo Pentimalli e Patrizia Salvini per ottimizzare la propria Arte di Risolvere i Problemi (Problem Solving) che sono:

  1. riconoscere che i problemi sono utili, perché tramite l’esperienza ci permettono di acquisire strategie, in modo da poter affrontare in futuro problematiche simili in minor tempo e maggior efficacia:
  2. chiedersi ‘come posso’?, cioè concentrarci sulla soluzione e per far questo allenarsi a vedere possibili soluzioni ‘alternative’ o multiple al problema;
  3. accettare e lasciar fluire le proprie reazioni emotive, ‘mollare’ la tensione nervosa, rilassarsi per accedere allo stato d’animo più adatto per concentrarsi sulle soluzioni.

Ovviamente non è un percorso facile, certamente non è scontato; tuttavia è accessibile, forse non proprio a tutti, non vogliamo banalizzare chi ha problemi neurofisiologici gravi, dipendenze o patologie che ledono la volontà o la possibilità di concentrazione; tuttavia la gran parte di noi può applicarsi oltre le precedenti credenze o (pigre) abitudini, per raggiungere una buona capacità, perlomeno quotidiana di ‘problem solving’.

Ci sono centinaia di proposte in quanto a tecniche, esercizi (ne propongono anche i due autori ai quali mi sono fin’ora ispirata per questi due post), pratiche di ogni tipo, ognuno è libero di cercare quella che più gli corrisponde.

Tuttavia due sono i punti che vorrei affrontare adesso:

a) occorre prima di tutto riconoscere il proprio limite nel non essere    (ancora) un buon risolutore di problemi;

b) attivarsi per cercare le strategie migliori per superare questi limiti.

Di solito a questo punto occorre ‘esercitarsi’, quindi – oltre alla chiarezza e alla giusta strategia, o tecnica – occorre allenare le proprie (nuove abitudini) e la propria volontà un po’ come si farebbe con i muscoli.

Sarebbe semplicistico elencare in questa sede gli indici grafologici della consapevolezza, della creatività o della volontà; anche perché essi non hanno valore a sé stante, ma in relazione gli uni con gli altri, in un contesto generale. E poi ho appena detto che alcune qualità possono essere ‘allenate’, quindi: a) esistono si terreni più fertili per la costanza dell’allenamento (endurance), ma: b) alcune tendenze possono essere trasformate grazie a tale allenamento. Occorre sicuramente quella che Goleman, nel suo famosissimo ‘Intelligenza emotiva’ del 1995, chiamava virus del buonumore, cioè la capacità di lasciarsi ‘contagiare’ dalle emozioni positive (e resistere o contrapporsi a quelle negative). Ma anche su questo terreno la persona può intervenire.

La grafologia, attraverso una migliore consapevolezza di sé, dei propri ‘talenti’, potenziali o espressi, può aiutare nei tre ‘step’ sopra descritti e può farlo per l’adulto, la coppia, l’adolescente e il bambino che si trovino in un momento di difficoltà o di svolta esistenziale.

Rafforzando i tre ‘step’ di consapevolezza, flessibilità, determinazione e volontà, anche la grafia si farà più areata, equilibrata, chiara, salda ma non rigida nella sua conduzione, legata, tonica, senza addobbi ridondanti.

Gabriel G. Marquez - Versione 4

By | 2015-10-20T17:28:15+00:00 ottobre 20th, 2015|Benessere, Eventi|Commenti disabilitati su Problemi, questi amici! (II/II): Problem solving in tre mosse.

About the Author:

Nel 1984 mi diplomo presso la Scuola Superiore di Studi Grafologici di Urbino con specializzazione in grafologia peritale sotto la guida del Prof Bruno Vettorazzo. Mi iscrivo all’elenco degli Esperti e periti del Tribunale. Oggi propongo counseling grafologico aziandale-professionale-scolastico per la crescita e il benessere ....a tutte le età.