Grafologia e disegno grafico pubblicitario III

/, Corsi, Grafologia, Recensioni e contributi/Grafologia e disegno grafico pubblicitario III

Lettere curve, paraffa superiore, tratto spesso, come immagine rassicurante. Il giallo e il rosso.

 

Le grafie curve sono, rispetto a quelle angolose, espressione di una maggiore tendenza accomodante ed na minore attitudine alla competizione. Gli angoli non ci sono o vengono smussati, indice questori savoir faire o perlomeno ricerca del confronto morbido, persino accattivante con l’altro.

Questo è quanto esprime il logo della famosa ditta Pioner, i cui caratteri sono appunto curvi, oltre che pendenti a destra (vedi precedente post: http://consulenzeingrafologia.it/grafologia-e-disegno-grafico-pubblicitario-ii/).

Nell’insieme il gesto grafico pubblicitario scelto dalla Pioner appare fresco, giovane, quasi adolescenziale (il tratta è anche grosso, il gesto semplificato, senza orpelli), vi è una lieve tendenza al predominio della zona centrale, sempre indice di attitudine egocentrica, tipica dei giovanissimi. L’approccio vuole evocare sentimenti camerateschi di parità, semplicità e persino una certa complicità relativa soprattutto ai gusti musicali.

Anche il logo Ferrari offre un’immagine fresca, giovanile e in questo caso sportiva, le lettere sono minuscole, leggermente squadrate, il che offre un’idea aggiuntiva di stabilità e chiarezza. Il prolungamento del primo gamma della F maiuscola, a coprire l’intero nome, offre una protezione quasi patriarcale, a garanzia della serietà e meritata fama della casa modenese.

Anche Nescafé utilizza il prolungamento del tratto iniziale della prima lettera, maiuscola come le successive, lo stesso dicasi della Pirelli, che sceglie anch’essa tutti caratteri maiuscoli e un tratto più spesso per sottolineare ulteriormente la stabilità consistenza della propria azienda.

In alcuni logo precedenti il riferimento al giallo (colore commercialmente rassicurante: ‘hai fatto la scelta giusta’) è accompagnato dall’assertivo e dinamico rosso del ‘vincitore’.

Anche nestlé, dello stesso gruppo di Nescafé, sceglie di allungare il tratto della N su tutto il nome, una sorta di paraffa superiore coprente, che sta a sottolineare la protezione paterna(lista), le lettere sono minuscole, quindi offrono un’immagine più ‘alla mano’; il colore azzurro e il disegno del nido illustrano iconograficamente che i prodotti trattati sono principalmente destinati all’infanzia e sicuri.

Vedi anche post precedenti della serie: Grafologia e gesto grafico pubblicitario, sul sito.

By | 2018-01-27T09:56:27+00:00 gennaio 27th, 2018|Aziende, Corsi, Grafologia, Recensioni e contributi|0 Comments

About the Author:

Nel 1984 mi diplomo presso la Scuola Superiore di Studi Grafologici di Urbino con specializzazione in grafologia peritale sotto la guida del Prof Bruno Vettorazzo. Mi iscrivo all’elenco degli Esperti e periti del Tribunale. Oggi propongo counseling grafologico aziandale-professionale-scolastico per la crescita e il benessere ....a tutte le età.

Leave A Comment