FAQ: Cosa significa ‘firma leggibile’?

/, FAQ/FAQ: Cosa significa ‘firma leggibile’?

Domanda: “Può la ‘firma leggibile’ che ci chiedono sui moduli, in banca, alla posta…..essere considerata la nostra vera firma se si discosta molto da come noi la tracciamo spontaneamente?”

shapeimage_16

Sono stata tempo fa ad una esposizione tempo fa di Valeria Resca, un’artista bolognese che esponeva delle bellissime opere dai colori preziosi eseguite su seta e altri tessuti in uno spazio in città, che conosco ed amo molto. Al momento di presentarmi, salutare noto, sulla cartolina che fa da biglietto di invito e da visita, un  interessante segno orizzontale in rosso-aranciato sopra la riproduzione di un tessuto artistico. Al mio occhio di grafologa si tratta di una firma ma, visto che stiamo parlando di un’artista…..magari ha fatto un suo ghirigoro, una cornice….chiedo – senza crederci troppo – ‘questa è la sua firma? (vedi sotto)’.

Valeria Resca mi spiega: Si, è la mia firma, cioè la firma che uso per le mie opere e per me stessa; in banca e in posta non posso firmare così! Il mio modo di firmare è talmente particolare che devo scrivere in modo diverso, mi chiedono una firma ‘leggibile’ e la mia VERA firma non si può proprio definire ‘leggibile’!

Quindi ha due firme? Le chiedo..

Beh, si, una ‘ufficiale’, che non sento mia, l’altra è quella che realmente mi rappresenta, ma che non è leggibile.

In effetti ricordo di aver letto in fondo a molti moduli, in banca in posta, alle Ausl…questa strana dicitura: ‘firma leggibile’ e – permettetemi, non è per essere polemica – ma avendo visto la grafia di Valeria (e molte altre prima) non posso non restare perplessa e mi domando, se questa è la firma di Valeria:

Valeria artista firma

Si può considerare anche quella ‘leggibile’ come una firma di questa artista?

A mio parere non lo sarebbe, ma chi continua a sottoscrivere i documenti e i moduli con una seconda modalità (che tenderei a considerare, non una firma, ma il proprio nome scritto di proprio pugno, ma NON una vera firma spontanea), di fatto però, spesso lo diventa. Una sorta di ‘variabile grafica’. Solo che non è una variabile spontanea (come avviene per chi firma e poi ha anche un proprio logo o sigla), mentre è spontanea la firma, nel caso di Valeria Resca, slanciata e stilizzata, che appone alle sue opere, perché non è solo un ‘logo’, ma è anche il suo modo spontaneo di firmare. Occorre quindi distinguere.

FIRMA WALT DISNEYUnknown-2

 

 

Sopra e sotto le firme di Walt Disney (1901-1966) i cui anelli nella parte superiore di alcune lettere e l’originalità di alcune forme, come la “D” iniziale del nome , o il punto della “i” a chicco di caffé, sono state mantenute nel logo

Walt-Disneyaziendale (il terzo in basso), semplificando al massimo la grafia originale, per renderla più leggibile e chiara, senza tuttavia tradirne due caratteristiche fondamentali: creatività e precisione.

 

 

walt-disney-logo

 

 

 

Sotto il logo commerciale ricavato dalla firma autentica e spontanea del pittore Vincent Van Gogh (1853–1890), che ha raramente usato il cognome e ancor meno il proprio nome per esteso per firmare le sue opere e chissà se lo ha fatto mai…..

ncor meno il proprio nome per esteso per firmare le sue opere e chissà se lo ha fatto mai…..

005984001

Voi cosa ne pensate?

Continuate a inviarmi i vostri quesiti e commenti,

Valeria

 

 

 

 

 

By | 2014-03-28T19:11:06+00:00 marzo 28th, 2014|Eventi, FAQ|Commenti disabilitati su FAQ: Cosa significa ‘firma leggibile’?

About the Author:

Nel 1984 mi diplomo presso la Scuola Superiore di Studi Grafologici di Urbino con specializzazione in grafologia peritale sotto la guida del Prof Bruno Vettorazzo. Mi iscrivo all’elenco degli Esperti e periti del Tribunale. Oggi propongo counseling grafologico aziandale-professionale-scolastico per la crescita e il benessere ....a tutte le età.